Diritti dei passeggeri: mobilità ridotta

Come sono le condizioni quadro, durante i viaggi, in caso di mobilità ridotta?

 
Diritti dei passeggeri: mobilità ridottaFondamentalmente i diritti dei passeggeri si basano sul principio della non-discriminazione. Questo significa che tutti i passeggeri devono poter usufruire in egual modo delle offerte e dei servizi. Corrispondentemente i testi legislativi e i regolamenti UE riprendono il tema dell’accessibilità per i disabili, in modo da garantire che i passeggeri portatori di handicap possano viaggiare possibilmente senza alcun problema.

Mobilità limitata nei viaggi in bus a lunga percorrenzaMobilità limitata nei viaggi in bus a lunga percorrenza

Mobilità limitata nei viaggi in trenoMobilità limitata nei viaggi in treno

Mobilità limitata nei viaggi in aereoMobilità limitata nei viaggi in aereo
 

Mobilità limitata durante i viaggi in autobus

Mobilità limitata durante i viaggi in autobusI passeggeri con disabilità o mobilità ridotta hanno gli stessi diritti degli altri passeggeri di viaggiare sugli autobus a lunga percorrenza. In Italia il trasporto dei passeggeri disabili è disciplinato dal regolamento europeo N. 181/2011 modificato nel 2013. Il regolamento prevedere non solamente il trasporto non-discriminatorio di persone disabili, ma anche l’accesso per persone con mobilità ridotta. I passeggeri disabili hanno diritto ad un’assistenza specifica e gratuita sia nelle stazioni che a bordo dei veicoli, oltre al trasporto gratuito dell’eventuale accompagnatore. Infine è previsto un risarcimento da parte della compagnia d’autobus per eventuali danni o perdita di sedie a rotelle o altri dispositivi per la mobilità.

Mobilità limitata durante il viaggio in autobusPer informazioni dettagliate sul tema leggi: Il viaggio in autobus – accessibile per TUTTI?…!
 

Mobilità limitata nei viaggi in treno

Mobilità limitata nei viaggi in trenoI passeggeri a mobilità ridotta hanno diritto di viaggiare in treno come tutti gli altri. Per questo motivo un’attenzione particolare è rivolta loro in partenza, all’arrivo e a bordo del treno.

L’assistenza a bordo treno è garantita da Trenitalia e prevede:

  • l’effettuazione del servizio di ristorazione al posto, se richiesto;
  • l’assistenza per gli spostamenti a bordo e per l’apertura della porta all’arrivo del treno, ove possibile;
  • le informazioni necessarie per evitare i rischi derivanti dalla disabilità o difficoltà motoria nella discesa del treno

Il servizio a bordo, però, non può essere effettuato se le dimensioni del treno rendono fisicamente impossibile l’accesso e il trasporto delle persone a mobilità ridotta. Inoltre se la persona con mobilità ridotta non è autosufficiente è necessario sia accompagnata da una persona maggiorenne. Per avere maggiori informazioni su come richiedere il servizio di assistenza di RFI puoi telefonare al Numero Verde 800 90 60 60 oppure recarti presso le Sale Blu.
 

Mobilità limitata nei viaggi in aereo

Mobilità limitata nei viaggi in aereoIl regolamento europeo n. 1107/2006 del luglio 2006 ha semplificato l’accessibilità per i passeggeri portatori di handicap durante i viaggi in aereo. Ma questo regolamento ha provocato critiche notevoli. Per esempio in esso si stabilisce che le compagnie aeree possono rifiutare la prenotazione solitamente se esistono problemi di sicurezza oppure se le possibilità tecniche non rendono possibile fare viaggiare persone portatrici di handicap. Inoltre negli aeroporti dev’essere disponibile personale per fornire assistenza. Ma i particolari precisi non sono stati stabiliti e, quindi, i bagni degli aerei sono troppo piccoli per le sedie a rotelle. Per questo motivo i passeggeri sulla sedia a rotelle sulla maggioranza dei voli non hanno accesso agli impianti sanitari. Relative petizioni devono cambiare questa situazione nel futuro ma non sono ancora state trasformate in legge.