Nuovo sistema servofreno d’emergenza automatico anche sugli autobus

Nuovo sistema servofreno d'emergenza automatico anche sugli autobusIl settore dei trasporti è in continuo miglioramento. Avviene sù per giù quasi ogni settimana l’introduzione di nuove idee per migliorare il trasporto passeggeri. Da nuove tecnologie e sistemi innovativi a miglioramenti sul comfort a bordo. Daimler Buses infatti è tra gli ultimi a presentare i suoi sviluppi nel settore di trasporto in autobus. L’azienda è infatti la prima in assoluto ad incorporare il servofreno di emergenza, in grado di frenare in automatico soprattutto non appena si nota la presenza di pedoni.

Gli autobus della Mercedes-Benz e Setra saranno equipaggiati con il nuovo Active Brake Assist 4 (ABA 4) durante la prima metà del 2018. L’azienda sarà la prima al mondo ad avere questa funzione studiata appositamente per questo tipo di veicolo, sulla base di altre tecnologie delle auto di Mercedes-Benz.

Funzionamento del sistema automatico del servofreno d’emergenza

Come nel caso delle auto della Mercedes, gli autobus Mercedes e Setra saranno dotati di sistemi radar per lunghe e brevi distanze. Intanto, gli autobus possono rilevare, in anticipo, pedoni ad una distanza di 80 metri – il freno si attiva autonomamente non appena viene riconosciuto il rischio di collisione. Il sistema rileva anche pedoni e veicoli sul lato della parte anteriore del bus. Il sistema è inoltre in grado a riconoscere ciclisti ed altri veicoli ad una distanza fino a 160 metri e 250 rispettivamente.

Nuovo sistema servofreno d'emergenza automatico anche sugli autobusIl sistema avvisa il conducente dell’autobus tramite indicatori visivi e acustici prima di entrare in funzionamento, in modo che possa evitare l’impatto, e poter fermare o deviare il prima possibile. I primi autobus che avranno questo nuovo sistema di ABA 4 saranno i Mercedes-Benz e Setra ComfortClass 500 e 500 TopClass. Il nuovo sistema non conterà dei costi aggiuntivi per i veicoli cui già dotati del sistema di controllo distanza (ART), poicché ABA 4 si basa sugli stessi radar tecnici.

Per ora, dobbiamo ancora aspettare un pó per trovare questo nuovo sistema sulle strade dei nostri autobus a lunga percorrenza, staremo a vedere cosa porterà il futuro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *