Coronavirus: Andrà tutto bene! L’Italia resiste

Notizie

Tutta l’Europa è ormai impegnata ad affrontare l’epidemia di Coronavirus (COVID-19). L’Italia, il primo tra i paesi UE ad essere stato colpito dalla pandemia, si prepara a superare la seconda settimana di quarantena. Tra decreti e provvedimenti, disposizioni e consigli il messaggio è arrivato chiaro alla popolazione: bisogna rimanere in casa. Solo in questo modo si potrà ridurre sensibilmente la diffusione del Coronavirus e ricominciare presto anche a viaggiare in autobus. Di fronte all’emergenza il popolo italiano ha risposto in maniera responsabile e positiva. Gli hashtag #rimaniamoacasa e #iorestoacasa hanno riempito le bacheche dei social, mentre i balconi si riempivano di arcobaleni e messaggi di incoraggiamento. Andrà tutto bene! L’Italia affronta l’emergenza Coronavirus con tanta responsabilità e creatività.

Coronavirus

Dal mondo sono arrivati messaggi di solidarietà all’Italia. Da Gerusalemme, Sarajevo, dagli Stati Uniti e dalla Cina: sono tante le città e i monumenti che si sono “dipinti” e illuminati dei colori del tricolore.

Inoltre influencer dello sport e del mondo dello spettacolo, tra cui Cristiano Ronaldo e Chiara Ferragni, hanno contribuito tra campagne di crowdfunding e donazioni a sostenere il nostro paese in questo momento di difficoltà. All’ospedale San Raffaele di Milano è quasi pronto il nuovo reparto di terapia intensiva!

Su FB si organizzano flashmob: dagli applausi dedicati al personale degli ospedali alle canzoni cantate e suonate dai balconi. Piccoli gesti per sentirci più uniti e meno soli e per ricordarci che in questo momento è necessario agire responsabilmente per l’intera comunità così che si possa ritornare al più presto alla vita di tutti i giorni. Dopo l’isolamento potremo finalmente riabbracciare i nostri cari e gli amici e riprendere a viaggiare in autobus in Italia.

Uniti supereremo l’emergenza!

Se cerchi informazioni sullo stato dei trasporti e dei collegamenti autobus in Italia e in Europa durante l’emergenza Coronavirus visita la pagina del nostro blog dedicata all’argomento.

Condividi questo post:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *